Il Visual Training Optometrico

Il Visual Training

Leggere con più velocità ed efficienza

Con la definizione “Visual Training” (o anche “Vision Training”) “Optometrico” si intende una serie di allenamenti visivi e visuo-percettivo-motori che servono a rendere più efficiente il Sistema Visivo.Questi allenamenti aiutano quindi:
– a leggere meglio, più velocemente, con più efficienza, senza stancarsi e senza sovraffaticare i muscoli del collo, delle spalle e della schiena in generale, memorizzando, comprendendo e quindi imparando con più facilità in minor tempo
– a mantenere una postura corretta con maggior equilibrio ed una maggior simmetria durante qualsiasi atto motorio, in particolare durante un’azione sportiva, rendendola più precisa, veloce ed efficace
– a gestire meglio le informazioni che riceviamo creando una precisa e profonda rappresentazione spazio-temporale
– ad allenare la capacità di gestire tutte le muscolature oculari ipersollecitate durante lo studio ed il lavoro quotidiano in ufficio, alla guida e in tutti i compiti di attenzione visiva
– ad integrare tutti i sensi tra di loro (integrazione multisensoriale)
Spesso i problemi legati al Sistema Visivo possono causare disturbi come cefalee, vertigini e cinetosi, dolori cervicali e mal di schiena in genere.
Alterazioni visive funzionali come insufficienza, ritardo o asimmetria di convergenza e tutti i deficit della visione binoculare, alterando la postura durante il lavoro e in particolare nella lettura, possono causare uno squilibrio muscolare delle spalle e della colonna con conseguenti torsioni che nel tempo possono causare a loro volta alterazioni posturali e problemi cronici alla schiena.
Lo squilibrio posturale sarà tanto maggiore quanto più il deficit funzionale sarà severo e a carico di un occhio solo.
Il Visual Training è particolarmente efficace nella Riprogrammazione Posturale Globale.

Qual è la migliore forma di prevenzione dei problemi visivi ?

Seguire alcuni comportamenti, di solito suggeriti dagli Optometristi, che non compromettano il Sistema Visivo (Igiene Visiva) è il modo migliore prevenire i difetti della vista ed i problemi legati alle abilità visive, astenopia, difficoltà di convergenza, difficoltà nella messa a fuoco durante i passaggi vicino/lontano, etc.
I comportamenti adeguati riguardano postura, illuminazione, alimentazione ed altro ancora.
La prevenzione parte anche dal riconoscimento precoce delle anomalie visive.
Mentre appare ovvia l’importanza delle visite oculistiche preventive, anche in assenza di una specifica sintomatologia, non tutti sanno che le Analisi Visive Optometriche sono in grado di scoprire con un certo anticipo i segnali “premonitori” di alcuni problemi di vista o visione come, ad esempio, la tendenza a diventare miopi, così da poter intervenire precocemente.

Dopo gli interventi di chirurgia rifrattiva serve il Visual Training ?

Il trattamento chirurgico per la riduzione della miopia, dell’astigmatismo e dell’ipermetropia, può causare alcune difficoltà nella fusione e nella messa a fuoco delle immagini. Con il Visual Training si può migliorare la capacità visiva, aumentare il comfort e di conseguenza attenuare gli indesiderati effetti collaterali.

Quali sono i concetti di base del Visual Training Optometrico ?

– Quello del “vedere” è un processo d’apprendimento non innato, come la vista, che è uno dei 5 sensi, e pertanto può essere migliorato con l’allenamento (questo grazie alla neuro plasticità del cervello, che dura per tutta la vita)
– Il Visual Training Optometrico comprende una serie di procedure che permettono di utilizzare in modo più efficiente tutte le abilità visive incrementando il comfort visivo, l’attenzione e le capacità di apprendimento.
– Tramite il Visual Training Optometrico è facile aumentare consapevolezza e propriocezione migliorando i meccanismi naturali che sono preposti al processo visivo.

Il Visual Training Optometrico miglior l’efficienza visiva in qualsiasi caso ?

Il Visual Training Optometrico consiste in una serie di specifiche procedure che aiutano a vedere, percepire e comprendere meglio le immagini che gli occhi inviano al cervello. Le tecniche apprese servono perciò ad ottimizzare il modo di utilizzare la Visione. Non solo tali procedure servono ad allenare, tonificare o rilassare i muscoli e le strutture oculari, anche attraverso il rilassamento della mente o la tonificazione del corpo ma soprattutto ad interiorizzare i processi neurofisiologici che sovraintendono a tutte le abilità visive, percettive e visuo-motorie legate all’eccessiva richiesta di impegno visivo al punto prossimo (lettura, computer, lavori di precisione) e quelle legate all’azione sportiva o di attenzione quotidiana, come la guida di bici, auto e moto.
Il miglioramento è assolutamente possibile in qualunque caso e in qualunque stato si trovino le abilità dalle quali si parte. Anche nei casi più difficili è possibile il miglioramento, fino alla completa risoluzione del problema, in assenza di particolari patologie e con la motivazione e la volontà del soggetto di collaborare. Naturalmente il Visual Training lavora sulla “funzione” visiva e non sulle patologie oculari e neurologiche, quindi visite oculistiche e neurologiche (come nel caso di mal di testa o diplopia) sono indispensabili per escludere qualsiasi patologia. In assenza di patologie il Visual Training Optometrico offre soluzioni straordinarie per la risoluzione dei problemi funzionali di vista e visione e anche in presenza di patologie può essere utile a migliorare comunque la funzione, mitigando i sintomi o per prevenire ulteriori peggioramenti, sempre dietro la stretta collaborazione con il medico curante.

Per quali soggetti e in quali casi è indicato il Visual Training Optometrico ?

Non esistono limiti d’età entro i quali può essere iniziato un programma di Visual Training Optometrico, questo grazie alla nostra neuro plasticità, che dura per tutta la vita.
In teoria i soggetti più giovani sono più facili da trattare e migliorano più velocemente rispetto quelli più anziani per via, non solo della ipotetica maggiore elasticità ma anche perché il problema è meno radicato ma è anche vero che i soggetti meno giovani, di solito, interiorizzano e consolidano più velocemente le competenze ottenute tramite il Training Visivo grazie alla loro maggior esperienza, senza contare che gran parte del successo è dovuta alla motivazione con la quale si affrontano le procedure e le tecniche proposte.

Il Visual Training Optometrico può essere applicato a molti disturbi e anomalie della Visione:

insufficienza o eccesso di convergenza, miopia, ipermetropia, presbiopia, astigmatismo, stress visivo e astenopia, iperattività e difficoltà attentive, difficoltà di orientamento, vertigini e mal di movimento, difficoltà di apprendimento e rendimento scolastico.
I risultati ottenibili di norma sono più che buoni anche se, come già affermato, dipendono molto dall’impegno e dalla costanza nell’applicazione delle tecniche impiegate durante il training in Studio e a casa e dalla predisposizione e partecipazione che il soggetto mostra verso l’allenamento stesso.

Il Visual Training Optometrico può aiutare i soggetti dislessici ?

Con il Visual Training non si tratta direttamente la dislessia (così come la disgrafia, la discalculia ed a

ltri DSA) anche se spesso, davvero spesso, le difficoltà che si incontrano durante i compiti di letto-scrittura sono dovute ad una scarsa oculomotricità accompagnata da una insufficiente organizzazione dei processi di elaborazione visiva.
Migliorando tutte le abilità visive (soprattutto la capacità di muovere gli occhi, con schemi motori ben organizzati, lungo una riga stampata) ed integrandole tra di loro, è possibile apprendere, comprendere e memorizzare bene in minor tempo.
Veramente spesso le affermazioni degli insegnanti come: “il ragazzo è intelligente ma non si impegna… potrebbe fare di più…” possono nascondere difficoltà visive e visuo percettive che solo un attento e specifico esame può evidenziare.
Il modo di memorizzare il materiale di lettura o la facilità di usare il simbolo grafico nella scrittura sono funzioni che passano attraverso complessi processi nervosi legati in gran parte a tutte le funzioni del Sistema Visivo.

Ma … il Visual Training funzionerà anche per me o per i miei figli ?

Dopo essersi accertati che i sintomi lamentati o i disagi accusati non dipendano da una patologia oculare o nervosa, il Visual Training funzionerà molto bene se consigliato da un Optometrista esperto, il quale non dovrà ovviamente “guarire” una malattia ma “guidare” ogni soggetto attraverso procedure adatte e consigli comportamentali che aiuteranno a migliorare la condizione funzionale così da risolvere il problema (completamente o almeno in parte) senza semplicemente nascondere i sintomi ma eliminandone o imparando a gestirne le cause.
Ovviamente i risultati del Training Visivo sono condizionati da una serie di eventi ma soprattutto dalla motivazione e dalla collaborazione di ogni individuo in trattamento (e della famiglia se si tratta di un minore).

Dr. Luca Baldassari – Optometrista